23 dicembre 2015
 
Sostenibilità

Occupazione tra mercato ed ecologia

 

L'inquinamento generato da decenni di sviluppo "insostenibile" del nostro pianeta sta causando mutamenti irreversibili all'ambiente globale, nel Nord ricco come nel Sud povero del mondo. Il degrado ambientale è ormai entrato nelle nostre vite e le condiziona pesantemente giorno dopo giorno, generando paure, angosce e frustrazioni. Quali strategie individuali e collettive possono essere intraprese?

 

LEGGI L'ARTICOLO
Cambiamenti climatici

Parigi è solo l’inizio e bisogna fare in fretta

“Quella di Parigi è una svolta perché per la prima volta siamo tutti d'accordo sul fatto che le emissioni di gas serra non devono crescere, e non cresceranno”. A parlare è Carlo Carraro, esperto di politiche climatiche ed energetiche, fra le altre cose Direttore dell'ICCG, l'International Center for Climate Governance.

LEGGI L'ARTICOLO
Evoluzione

Siamo tutti figli di migranti

“Quanti anni hai?” e “Da dove vieni?” sono domande che in termini genetici e antropologici oggi hanno una sola risposta, che vale per tutti gli abitanti della Terra: “Ho 200mila anni e vengo da una piccola valle dell’Etiopia”. Perché nel DNA di noi Homo Sapiens si legge il cammino della nostra specie, che dall’Africa si è diffusa ovunque evolvendosi da uno sparuto gruppo di individui.


LEGGI L'ARTICOLO
App e dintorni

Il riscaldamento globale a portata di app

Una nuova rubrica della nostra rivista. Dalle mappe interattive alle notizie: ecco la scienza a portata di app.
 

LEGGI L'ARTICOLO
Salute

Contrordine: l’infelicità non fa ammalare

Sia la felicità che l’infelicità non presenterebbero alcun effetto diretto sulla mortalità dell’individuo. Lo afferma uno studio durato 10 anni e condotto su più di 700mila donne inglesi di età media di 59 anni. Dunque, l’infelicità da sola non è in grado di causare malattie, secondo gli autori della ricerca. Il dibattito scientifico rimane comunque aperto.

LEGGI L'ARTICOLO
Letture

Uno sguardo dal futuro per comprendere il presente

 

Un giovane storico cinese analizza le ragioni che hanno portato ad ignorare, fatalmente, il problema del cambiamento climatico nel XXI secolo. Parlandoci da un futuro che, si spera, gli accordi appena sottoscritti a Parigi possono ancora scongiurare.

 

LEGGI L'ARTICOLO
ALTRI TEMI
LETTURE
FOTO STORIE
Facebook
Twitter
Website
 
 

www.rivistamicron.it